come aumentare la fertilità con la dieta

Come aumentare la fertilità con la dieta: ecco cosa mangiare

Se ti stai chiedendo come aumentare la fertilità con la dieta e l'alimentazione, questo è un articolo che penso possa esserti utile.

Qui infatti voglio darti una panoramica e qualche consiglio utile su come aumentare la fertilità femminile. Probabilmente tu e il tuo partner vorreste un figlio, ma incontrate qualche difficoltà nel concepimento, oppure nonostante i tentativi ancora non riesci a rimanere incinta. O forse, prima di provarci vuoi aumentare le possibilità di restare in cinta. Ok, allora: vediamo insieme come affrontare il problema di aumentare la fertilità.

Aumentare la fertilità con la dieta si può?

Un esempio di dieta per aumentare la fertilità fu stilato dal prof Chavarro alla fine degli anni '90.

Nel 1989 un grande studio prospettico (NHS-II Nurses’ Health Study) prese in esame 11600 donne di età compresa fra i 25 e i 42 anni per valutare quale relazione ci fosse tra l’alimentazione e la fertilità e se alcuni modelli dietetici potessero essere utilizzati per favorire il concepimento e quale relazione ci fosse l'alimentazione per rimanere incinta.

Lo studio venne condotto fino al 1999. Gli autori dimostrarono una forte correlazione fra il tipo di alimentazione e la fertilità. In particolare, notarono che alcune abitudini alimentari determinavano un abbassamento del 66% delle cause di infertilità femminile dovute a disturbi ovulatori e una diminuzione del 27% del rischio di infertilità per altre cause.

Gli autori chiamarono questo modello dietetico: "Dieta della fertilità".

Dieta della fertilità: cos'è e come funziona?

Questa dieta della fertilità, una vera e propria dieta per rimanere incinta, è così composta e prevede questa tabella:

➡ maggiore assunzione di proteine da fonti vegetali a discapito delle proteine animali

➡ un maggior apporto di grassi monoinsaturi come l’olio d’oliva con una netta diminuzione dei grassi trans presenti per esempio nelle margarine

➡ una maggiore attenzione alla quantità e alla qualità dei carboidrati

➡ maggiori assunzioni di ferro, di acido folico e vitamine del gruppo B

➡ raggiungimento di un peso sano attraverso l’alimentazione e una attività fisica moderata

➡ minore consumo di alcol e caffeina

➡ essere fisicamente attivi durante la quotidianità

Negli anni, numerosi studi scientifici hanno permesso di capire che non è un solo alimento a fare la differenza, ma tutta una serie di strategie che bisogna mettere in atto affinché si possa migliorare e aumentare fertilità e aumentare quindi le possibilità di restare incinta e concepire un bambino, sia naturalmente sia con tecniche di procreazione medicalmente assistita.

Quindi, se il tuo problema è cosa mangiare per aumentare la fertilità, hai già la risposta: non esiste un singolo alimento o ingrediente per risolvere questa situazione, ma piuttosto un regime alimentare e uno stile di vita.

Aumentare la fertilità con la dieta mediterranea

aumentare la fertilità dieta mediterranea

A oggi, due studi hanno esaminato la relazione tra uno specifico tipo di aliementazione per rimanere incinta e l'aumento della fertilità.

Nel NHS-II, precedentemente descritto, le donne che avevano un alto tasso di fertilità davano priorità a maggiori assunzioni di proteine da fonti vegetali, latticini interi, ferro. L’alimentazione di queste donne mostrava un maggiore apporto di acidi grassi monoinsaturi (olio di oliva) e pochi grassi trans, un basso apporto di proteine di origine animale, un minore carico glicemico alimentare e latticini a basso contenuto di grassi.

Allo stesso modo, uno studio tra le donne nel progetto Seguimiento Universidad de Navarra, ha rilevato che le donne con la più alta aderenza a una dieta mediterranea, caratterizzata da un maggiore apporto di verdura, frutta, pesce, pollame, alimenti a basso contenuto di grassi, latticini e olio d'oliva, aveva la metà delle probabilità di dover cercare aiuto medico per la difficoltà a rimanere incinte.

Nonostante la dieta mediterranea sia stata associata a un aumento della fertilità femminile, questo tipo di alimentazione non è così diffuso come si pensa.

Molte persone tendono a credere che vivere nell’area mediterranea significhi seguire questo regime alimentare mentre è vero il contrario: attualmente, in Italia, pochissime persone seguono questo regime. La stragrande maggioranza segue un tipo di alimentazione di stampo occidentale ricca di zuccheri, grassi animali, prodotti lavorati.

Inoltre, lo stile mediterraneo impone una attività fisica regolare: i nostri nonni, oltre a mangiare secondo i dettami della dieta mediterranea, erano spesso in deficit calorico in quanto si muovevano tantissimo, dal momento che nella stragrande maggioranza facevano lavori manuali.

Questi aspetti sono importanti da considerare, in quanto la dieta mediterranea non è solo uno stile alimentare ma è anche uno stile di vita. In base a questi preconcetti si capisce come si tende a interpretare in modo incompleto il concetto di stile mediterraneo.

Purtroppo, attualmente, per motivi culturali e lavorativi, il nostro dispendio energetico è molto diminuito rispetto a qualche decennio fa e costruire una vita in base allo stile mediterraneo è molto difficile. Aderire dunque a uno stile mediterraneo significa prediligere la qualità degli alimenti, in particolare cereali integrali (in assenza di colon irritabile), legumi, olio d’oliva, pesce, grassi e proteine vegetali, e significa anche fare attenzione alle quantità rispetto al proprio dispendio energetico: più siamo sedentari e più le quantità devono essere commisurate.

Il legame tra alimentazione e aumento della fertilità è quindi ben studiato e dimostrato, ma la dieta mediterranea (nonostante si pensi il contrario e i benefici che apporta) non è così diffusa!

Esempio di dieta mediterranea per aumentare la fertilità

Qui ho riassunto una dieta per restare incinta, che potrà esserti d'aiuto se cerchi un modo su come aumentare la fertilità attraverso l'alimentazione, e quindi incrementare le probabilità di concepire un bambino.

Colazione

pane integrale con avocado spalmato e tisana ai mirtilli

Spuntino metà mattinata

mandorle, noci e semi di lino con yogurt fermentato intero

Pranzo

insalatona di riso venere con salmone selvatico e avocado e olio extravergine di oliva

Spuntino metà pomeriggio

estratto di verdure e frutta (cavoli, broccoli, kiwi e mirtilli)

Cena

petto di pollo saltato con asparagi e mandorle con olio extravergine di oliva

Dieta low-carb e chetogeniche per aumentare la fertilità

Spesso l’infertilità è associata a sovrappeso, insulinoresistenza e ovaio policistico. A causa della concomitanza di questi tre fattori è necessario intraprendere nel breve periodo una dieta che sia non solo ipocalorica, ma anche a basso contenuto di carboidrati, per accelerare il processo di guarigione da queste problematiche. A questo proposito sono un’ottima strategia le diete low-carb e le diete chetogeniche.

Negli ultimi decenni, le diete a basso contenuto di carboidrati (LCD) e le diete chetogeniche (KD) hanno raggiunto una certa popolarità, non solo all'interno della comunità scientifica ma anche tra il pubblico in generale, grazie anche all’uscita di libri dedicati o discussioni sui social network, che hanno reso questi regimi molto popolari. Questi approcci dietetici hanno dimostrato grande efficacia per la perdita di peso e un’azione benefica nei casi di disturbi ovulatori.

Ma ci sono prove crescenti che suggeriscono che è necessaria un’estrema cautela quando si intraprendono questi tipi di dieta per rimanere incinta, specialmente quando si pianifica di seguirli per lunghi periodi di tempo. È necessario affidarsi a professionisti e non al fai da te.

La differenza fra le diete low-carb e le diete chetogeniche riguarda essenzialmente la quantità di carboidrati assunti. Nelle diete chetogeniche la quantità è meno di 20 g al giorno (sebbene alcuni utilizzino una soglia inferiore a 50 g), pari a circa il 10% dell'apporto energetico totale. La soglia per l'assunzione di carboidrati nelle diete low-carb, invece, è di 130 g al giorno, equivalente a meno del 26% dell'energia totale dai carboidrati.

In generale, maggiore è il grado di restrizione dei carboidrati, maggiore è il grado di chetogenesi: l'assunzione di carboidrati superiore a 50 g al giorno non è solitamente sufficiente per la chetogenesi. Quindi, "basso contenuto di carboidrati" e "chetogenico" non sono termini dietetici sinonimi, ma si sovrappongono.

Le linee guida attuali di consenso internazionale sulla gestione dietetica del sovrappeso, insulinoresistenza e ovaio policistico sostengono che la limitazione dei carboidrati è una strategia terapeutica legittima.

Studi clinici durati anni hanno dimostrato che le diete a basso contenuto di carboidrati (in cui i grassi totali e saturi hanno sostituito i carboidrati) hanno avuto effetti benefici sull’eccesso di peso corporeo, sui lipidi (compresi colesterolo HDL e trigliceridi) e sul metabolismo del glucosio.

Questi risultati arrivano proprio nel momento in cui nel panorama medico si sta iniziando a riconsiderare positivamente l’apporto dei grassi nell’alimentazione. Come ha affermato di recente un gruppo di esperti incaricato dal British Medical Journal per affrontare questa controversia: “Nonostante decenni di consigli dietetici secondo cui più basso è il contenuto totale di grassi più sana è la dieta, i ricercatori e le autorità sanitarie pubbliche ora concordano sul fatto che considerare solo l’effetto dei grassi sulla salute non ha senso, e che devono invece essere considerati i diversi tipi di grassi e carboidrati”.

Se il tuo obiettivo è quindi scoprire come aumentare la fertilità femminile con questo tipo di diete chetogeniche e low-carb, meglio sarebbe rivolgersi ad uno specialista, evitando approcci fai da te.

Contatta il Dr. Uliano

Utilizza il form qui in basso per contattare il Dr. Roberto Uliano.

Nutrizionista Napoli centro
Uliano Roberto

Autore

Dr. Roberto Uliano

Da 15 anni lavoro come nutrizionista nelle città di Napoli, Roma, Castellammare di Stabia.

Sono consulente e scrittore nel campo delle scienze dell'alimentazione presso diverse testate giornalistiche come viveresaniebelli, silhoutte. Nel 2015 sono stato consulente della testata "Bimbi a tavola", rivista di educazione alimentare per i bambini. Sono docente dal 2011 di nutrizione applicata presso la Scuola di Nutrizione Salernitana. Il mio obiettivo è quello di insegnare la nutrizione in pratica.

Opero da anni nel campo dell'obesità, dello sport e di numerose patologie correlate all'alimentazione.

Chiedi un consulto al Nutrizionista per la fertilità

 

ACQUISTA IL MIO LIBRO

Ti potrebbero interessare